Saranno conferiti al sistema di raccolta autorizzato, gli pneumatici fuori uso che saranno ripescati oggi dal fondale del Porticciolo turistico di Marina Piccola, dal diving SubAquaDive, insieme al nucleo sommozzatori della Guardia di Finanza e il 4° Nucleo Sub della Guardia Costiera.

Cagliari aderisce a “PFU Zero sulle coste italiane”. Poco dopo le 9,30 del mattino a lanciare la prima edizione cagliaritana dell’evento, il sindaco Paolo Truzzu e l’assessore Alessandro Guarracino.

“L’augurio che io faccio oggi – ha detto il primo cittadino ringraziando gli organizzatori e tutti coloro i quali collaborano alla buona riuscita dell’iniziativa – è di trovare poca roba. So che non sarà purtroppo così, ma l’augurio che sinceramente mi sento di fare alla comunità quando si va a ripulire un luogo è quello di trovare sempre poca roba Perché questo significa che veramente si è fatto un passo in avanti”.

Consapevole che per puntare ad una transizione ecologica verso la città sostenibile del domani con un’economia rispettosa, spazi pubblici e la gestione dei rifiuti occorre necessariamente portare avanti una trasformazione culturale con il supporto dei cittadini, delle aziende e l’impegno delle amministrazioni pubbliche, anche l’assessore Guarracino.

Solidale col sindaco, il titolare dell’Ambiente e Politiche del mare ha messo l’accento sulla “maggiore partecipazione delle persone” e di “moltiplicazione di iniziative” in ambito di tutela ambientale. E parlando delle iniziative messe in campo dall’Amministrazione comunale nell’ambito della raccolta dei rifiuti e del supporto da parte dei cittadini anche durante il lockdown, l’assessore è detto fiducioso per il futuro. “Iniziative come queste contribuiranno a raggiungere importanti risultati”.

Promosso dall’associazione ambientalista Marevivo e dal consorzio EcoTyre, il progetto “PFU Zero sulle coste italiane” mira a recuperare gli pneumatici fuori uso, sensibilizzare l’opinione pubblica e al contempo orientare i cittadini verso una corretta gestione di questo rifiuto.

Riciclabile al 100%, ha spiegato la mascotte dell’iniziativa Gummy, i PFU possono infatti essere utilizzati per fondi stradali e superfici sportive. Ma anche come materiale per l’arredo urbano, isolamento, nuovi pneumatici e perfino suole per le scarpe. Tanti sono insomma le possibilità di dar loro una seconda vita, sopratutto ridurre la loro pericolosità ambientale e i costi per lo smaltimento.

Col sindaco Truzzu e l’assessore Guarracino, questa mattina di sabato 12 giugno al Porticciolo di Marina Piccola anche Davide Barbagiovanni Minciullo, capo reparto operativo della Direzione Marittima di Cagliari, Giorgio Culazzu e Pietro Caredda, delegati Marevivo Cagliari, Enrico Ambrogio, presidente EcoTyre e Carmen Di Penta, direttore Generale Marevivo. Tutti uniti per la salvaguardia dell’ambiente “per lasciarlo migliore a chi verrà dopo di noi”, ha concluso il sindaco Truzzu.

Print Friendly, PDF & Email

Di Polis Notizie

Redazione

error: Content is protected !!