Servizio a cura di Maria Pia Iurlaro , testo descrittivo di Luigi Cino .

Un’incantevole luogo da visitare  dal grande valore mistico storico artistico e culturale, tappa della Via dell’Angelo  a 3 km. da Putignano (Ba) sulla  S.P. per Noci . 

La Grotta Carsica di Monte Laureto, di mt. 30x16x7 del Cretaceo Superiore, (la cui grandezza permetteva vita promiscua di uomini ed animali da allevamento sin dalla preistoria) è un Luogo Sacro di straordinaria bellezza e valenza storica e culturale, tappa della Via Dell’Angelo, delle Vie Francigene e di quelle Micaeliche.    E’  inoltre scrigno di straordinari tesori artistici quali gli affreschi del XIV secolo e del Primo Rinascimento e le Sculture di Stefano Pugliese, prestigioso scultore rinascimentale noto come Stefano da Putignano.  Il luogo mistico è da secoli meta di pellegrinaggi MICAELICI, sulla via che parte dalle lande irlandesi e dalle isole Skellig per finire al Santo Sepolcro di Gerusalemme, passando per i Santuari di St. Michael’s Mount,  Mont S. Michel, Sacra di Torino, Monte S. Angelo, Isola Simi in Grecia, Monte Carmelo ad Haifa di Israele  e, dulcis in fundo, facendo tappa e sosta anche sul lussureggiante Monte Laureto.

Non moltissime le citazioni ed i riferimenti storici. Ma già nel 1680 si ritrovano precisi riferimenti di questo Sacro Ipogeo putignanese negli scritti di Pompeo Sarnelli (noto aiutante letterato del Vescovo Sipontino successivamente Pontefice, Benedetto XIII) e precisamente nelle sue “Memorie Cronologiche dei Vescovi ed Arcivescovi  di Siponto”. Situato a circa tre chilometri dall’abitato di Putignano (BA), il Sacro Ipogeo di S. Michele in Monte Laureto è preziosa testimonianza di antica civiltà rupestre, dedicato al culto dell’Arcangelo Michele.

La leggenda attribuisce la costruzione del Santuario al desiderio di San Gregorio Magno, Pontefice nel 591, di far costruire in terra putignanese, all’epoca proprietà della sua famiglia, un convento di monaci dell’ordine di S. Equizio, con lo scopo di evangelizzare le genti del luogo.

La Grotta, antico tempio del dio Apollo in epoca tardo/romana, fu successivamente dedicata al Principe degli Angeli e Protettore del Popolo Eletto, San Michele Arcangelo.  Nel corso dei secoli, dopo vari trasferimenti di proprietà tra Ordini Ecclesiastici, divenne feudo dei Cavalieri Gerosolimitani che lo affidarono ai  Padri Carmelitani. La Chiesa ipogea, costruita quindi all’interno della maestosa grotta carsica, attualmente si presenta inglobata in una Struttura ospedaliera che, dal 1933 e fino agli anni ’70, ha ospitato uno dei più importanti Sanatori Climatici del Mezzogiorno. In Grotta si accede da una cancellata in ferro; al suo interno, è possibile ammirare una bellissima statua di Vergine con Bambino, realizzata dalla Bottega del noto Artista e Scultore putignanese Stefano da Putignano.  L’altare maggiore, collocato in fondo alla grotta e con copertura in muratura a forma di arco ogivale, conserva un affresco della Crocifissione, risalente agli inizi del XIV secolo. Ai suoi lati vi sono altre due edicole: una ospitante una bellissima statua del Santo Michele, opera anch’essa di Stefano da Putignano, in pietra policroma e con spada e scudo in ferro; nell’altra si ammira un affresco (di Francesco Palvisino) raffigurante la Madonna del Carmine tra i Santi Angelo e Alberto, protettori delle campagne putignanesi. Entrambe le edicole sono datate 1521. Queste edicole rappresentano, insieme al maestoso affresco del Gesù Crocifisso del XIV secolo, le note artistiche più importanti dell’intero Santuario, oggi meta di pellegrinaggi spirituali, oltre che di ricerca ad ampio respiro  culturale,  storico e folkloristico del nostro territorio. Il culto per l’Arcangelo Michele, Principe delle Schiere Celesti, è da circa quindici secoli fortemente radicato nel nostro territorio pugliese, rafforzato dalla vicinanza con il Santuario Micaelico di Monte S. Angelo col quale condivide, senza soluzione di continuità, la Fede incrollabile e l’Amore devozionale per l’Invincibile ed Onnipotente Protettore dalle Pandemie, l’Arcangelo Michele.

La Grotta è’ attualmente gestita e curata dalla PRO LOCO putignanese e dal suo Presidente,    

LUIGI CINO

Si ringrazia la Pro Loco di Putignano e il suo Presidente Luigi Cino . 

Per visite e info : 333.9633738

 

Print Friendly, PDF & Email
Polis Notizie

Di Polis Notizie

Redazione

error: Content is protected !!