In Pierfranco Bruni la creatività è potenza fra il divino e l’umano

 

LUCIA CUCCIARELLI*

Il cocktail é una bevanda raffinata, elaborata da mani esperte, che richiede un’atmosfera speciale, un setting sociale, un rituale codificato.

La poesia di Pierfranco Bruni per me é un cocktail di parole, che il fruitore deve assaporare,  con l’intimo piacere  di riconoscerne  i sapori, gli umori.

Ha un gusto poetico molto intenso, perché Bruni ha un talento straordinario nell’associare dimensioni visive e uditive, immagini e ricordi.

Non solo apre le segrete stanze della sua esperienza umana, ma gli incontri con tanti personaggi che hanno cambiato la storia linguistica, che hanno inventato generi e costruito nuovi percorsi di senso.

Ogni ingrediente concorre a un effetto, modulato diversamente in ogni mente perché ognuno ascolta le parole non solo per il loro colore fonico, estetico o compositivo, ma soprattutto per il potere figurativo ed evocativo.

La poesia é dialogo.

Non genera solo senso letterario, ma riflessioni sul significato profondo del vivere e soprattutto del convivere e del condividere.

La poesia é vita, vive di tutti i  pensieri degli uomini che l’hanno attrraversata e che hanno lasciato i nuclei profondi delle loro esperienze.

La poesia é un percorso aperto di sensi, é un vento che raccoglie profumi d’amore, immagini durate un instante o dolori di una vita.

Avvicina nei secoli, nel tempo e nello spazio, i sentimenti di uomini e donne che hanno saputo raccontare.

Ulisse nel tormento delle sirene raccontato da Omero, la tensione tragica di Pirandello, la malinconia di Saffo tradotta da Quasimodo, T.S. Eliot raccontato da Montale, i poeti americani vissuti da Pavese, la potenza poetica dei diseredati di De André.

Le scelte compositive di Bruni sono estremamente sofisticate, perché tutta la poesia del ‘900 viene rievocata e rivissuta in una personale rielaborazione.

Il suo sistema poetico é aperto.

Diversamente dalla maggior parte dei poeti che si chiudono in un mondo simbolico, le creature di Bruni possono viaggiare in racconti visuali, incontrare la musica, coniugarsi con altre libere forme di arte e di sentimento.

Lui crea nuovi accostamenti di suoni, umori e colori e ci lascia liberi di esprimere le nostre intuizioni, di esplorare gli spazi immaginativi che in questo mondo di passaggi bloccati e preconfezionati é ormai un punto.

Interrogativo.

Forse la poesia puó costruire una nuova sintassi del quotidiano.

Potenza creativa, fra il divino e l’umano. 

*Responsabile per la Cooperazione scolastica  Ambasciata D’Italia a Tirana – Ministero Affari Esteri

 

Print Friendly, PDF & Email
Polis Notizie

Polis Notizie

Redazione

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: