Il Dante di Miguel Chutariados. L’esilio e lo sconforto del poeta nell’inedito:“Libro de canciones para la Vida Nova”

Condividi
di Pierfranco Bruni

La lingua di Dante molto ha influenzato il percorso linguistico e poetico degli anni successivi alla sua proposta poetica, mistica e teologica. Tanti poté la “Vita Nova”.

Il suo modello ha attraversato tutto il Novecento. Uno degli autori che maggiormente ha lavorato sul Canto della Vita Nova, in termini di una metafisica della sensualità, è stato Miguel Chutariados.
Molto poco si sa di questo poeta. Rileggendolo e leggendo soprattutto questo poemetto dalle matrici “dantesche” dal titolo: “Libro de canciones para la Vida Nova”, credo che bisognerebbe proporlo anche attraverso un’analisi testuale e una interpretazione comparativa tra i poeti che lo hanno formato.

C’è nella sua formazione, naturalmente, Dante Alighieri. Un Dante che è quello della “Vita Nuova”. D’altronde il poemetto proprio alla “Vita Nuova” rimanda, e il suo passeggiare tra le parole costituisce un preciso indizio se non un forte inciso sia letterario che estetico – metaforico.
Dante, dunque, certamente. Ma c’è anche il primo Gabriele D’Annunzio che campeggia in questo inedito ed è un dato significativo legare la funzione che ha avuto Dante a quella che ha avuto D’Annunzio. Soprattutto perché questo poemetto risale proprio al 1914. Sembra un testo scritto come testamento. In D’Annunzio la presenza della Vita Nova è comunque costante.

Ed è come se Miguel Chutariados, nato nel 1855 – e morto nel 1914, volesse indicarci un percorso di una poesia che diventa sì un attraversamento esistenziale, ma diventa, soprattutto, un viaggiare nel linguaggio. Ci sono elementi formativi che richiamano linguaggi diversi. Un poeta spagnolo di cui, come dicevo, si conosce ben poco.
Ho avuto modo di parlarne nel mio incontro a Siviglia, quando presentai il mio libro: “Che il dio del Sole sia con te” (Pellegrini editore). Parlando e discutendo del mio viaggio letterario e poetico ho avuto la possibilità di raccontare della non “conoscenza” profonda di Miguel Chutariados.

È nato in Spagna, ma è morto a Cuba, almeno così sono le voci più accreditate. Ho trovato, comunque, molto poco sulla sua vita. Sono in possesso di questo inedito perché era tra le carte e gli studi, lasciati incompiuti, di Francesco Grisi.
È uno scritto da indicare e da sottolineare come elemento significativo di una parola che ha la sua visione “meticciata” in termini di vocabolario linguistico e letterario. Ho cercato di offrire una traduzione dallo spagnolo. Ci sono molti aspetti da rivedere e da riconsiderare, ma credo che parlarne, oggi, sia un fatto importante.
Ci sono tre riferimenti sui quali sto cercando di riflettere.
Il primo riguarda l’assenza della sua poesia e della sua figura dal quadro della poesia spagnola o ispano-americana (essendo morto, come alcune voci sostengono, a Cuba).
Il secondo attesta la straordinaria valenza della poesia e della letteratura italiana nella sua formazione. In questo poemetto c’è la sua formazione che è fatta da un vocabolario letterario prettamente italiano.
Il terzo riferimento è, appunto, il chiosare, tra i suoi versi, Dante con D’Annunzio. Questo ultimo riferimento sembra proporci una chiave di lettura e anche una precisa indicazione.
Se è necessario conoscere Miguel Chutariados, dunque, è chiaramente necessario leggerlo. Ed è quello che cerco di proporre in una visione in cui il poetico vive di mistero e il mistero è un intreccio di Oriente ed Occidente.

***

Libro de canciones para la Vida Nova

Canzoniere per la Vita Nova
Di Miguel Chutariados
1855 – 1914

A cura di Pierfranco Bruni

1.
Il mio esilio non ha la trasparenza del tuo duro pane
E anche se scendo e salgo le scale dell’Inferno
Non ho sconfitto il pianto della donna che ho chiamato Madonna
Perché so di restare nella città sepolta dalle solitudini.

-(Mi exilio no tiene la transparencia de su pan duro
E incluso si voy hacia arriba y abajo de las escaleras del infierno
Yo no he vencido las lágrimas de la mujer que me llamó Madonna
Porque conozco a permanecer en la ciudad sepultada por solitudin.)-

2.
Non ho specchiato i tuoi occhi nel mio sguardo
Nella tua giovinezza che non fu mai giovinezza
Ho colto una rosa che bianca non è
Eppure di te ho parlato come se fossi la nova vita.

3.
Ginepri e odor di giardini tra i gigli e i garofani
Furono le nostre parole che più non ho tra le vele di un mare morto
E se ti ho cantato nello scavo dell’essenza della malinconia
È perché altro non ho potuto se non trascinar abitudini.

4.
Ignuda tu fosti a rimembrar le mie carni
Ma a conoscere il core mio non è bastata la conta del tempo assente
E giammai potrai essere gabbiano
Ora che il mare si è raccolto nel deserto.

5.
Se a Didone fu tolto lo spazio del caduco amore
A te porgo il respiro nell’assenza di una stella cercata tra il buio e il silenzio
A dipingerti con le dita tra i colori il tuo profilo è sfuggente
E il mio sorriso è soltanto una questione di ombre che restano a vigilare l’aurora.

6.
Tutto muore. Mi hai sussurrato nella sera caduta tra i rovi
Ma se tutto muore è perché noi due abbiamo interrotto i passaggi del tempo
E quando il tempo ha straziato le ore e i giorni si ode soltanto il cantare del cigno
A volte anche la morte non basta a far morire.

7.
Se a cantare io mi dedico in questa pazienza di anni persi
È perché altro non so fare
E tu non sei né colomba né gabbiano
In questa smarrita via che è solo illusione.

8.
Tra le tentazioni e i dissolvimenti
Non menar per altre strade
E se io ho anni persi
Tu ti sei persa negli anni.

9.
A dirti oggi posso che senza incontrar sciagura
Il tuo corpo nudo ho amato
Sino alla sera tramontata
Tra le tue e le mie mani.

10.
Senza disdegnar alcuna tristezza
Io sono del mio esilio il custode
E tu a navigar i mari ti distanzi
Anche se al sol ascoltar il tuo nome
Le parole e il sangue infrangono
A colpir dritto nel mio core.

11.
Mai vita nova potrai espirare
Per colpe e amore
Nell’anima spezzata
Io di te timore non potrei raccogliere
Ora che sconforto ha la mia vita.

***
Miguel Chutariados ha fatto della sua Vida Nova un Cantico dei Cantici che non perde la sua sensualità onirica in un intreccio in cui la figura femminile diventa personaggio di destino ma anche sguardo Raffaellito.
Infatti Miguel Chutariados è stato, tra l’altro, uno attento studioso di Raffaello e prima di Leonardo.  Un rinascimentale senso della bellezza affidato agli occhi, allo sguardo, alle mani.
In Leonardo e Raffaello si avverte chiaramente il superamento stilnovista. Miguel Chutariados invece intreccia il Dolce Stil Novo con la Vida Nova al Rinascimento. Beatrice non è più un’ombra ma diventa la donna di Raffaello. Ovvero La Fornarina dipinta tra il 1518 -19.
La donna di Raffaello è l’immaginario metafisico di Beatrice? È quello che cercherò di affrontare e di capire nelle prossime letture:
“Di cor porta pazienza alli occhi di sembianze distanti /Ma d’amor non provar timore /Se giochi le tue mani san fare”.
Esilio e sconforto? Forse sì o forse no: “Da sol con te Madonna d’eros ho saputo d’esilio/Sconforto e baci sulli occhi e la bocca”.
Print Friendly, PDF & Email

2411total visits,3visits today

Polis Notizie

Polis Notizie

Redazione

Ti sono piaciuti i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli

error: Content is protected !!