MOTTOLA. 16^ edizione Concorso Nazionale Marce inedite della Passione.

Condividi

MOTTOLA.   Si conoscerà questa sera la marcia vincitrice del Concorso Nazionale per Marce Inedite della Passione “Città di Mottola”, giunto alla sua 16^ edizione, dopo mesi di intenso lavoro organizzativo. Al termine del concerto, in programma per le ore 19,30 nella chiesa di S.M. Assunta, una giuria di qualità avrà il compito di assegnare i premi, alla presenza dei musicisti giunti, per l’occasione, a Mottola, da ogni parte d’Italia. A presiederla sarà il M° Giovanni Tamborrino, compositore e docente di percussioni presso il conservatorio “Duni” di Matera.

Non si conoscono né i titoli delle marce né i nomi dei compositori. Ogni giurato, in tutto cinque compreso il presidente, dovrà esprimersi semplicemente ascoltando le marce cui è abbinato un codice. La sequenza dell’esecuzione sarà stabilita sul momento per sorteggio.

Come sempre le marce finaliste sono cinque, selezionate, quest’anno, tra le 21 partecipanti. Tre sono siciliane e due pugliesi. Sono state selezionate da una giuria, presieduta dal M° Giuseppe Salatino, direttore artistico della manifestazione. Un lungo lavoro di ascolto e di lettura delle partiture che, secondo gli organizzatori, ha portato a scegliere delle composizioni di altissima qualità. Marce, queste, che segneranno anche la processione dei misteri del venerdì santo.

Questa sera, ad eseguirle, sarà l’Orchestra di Fiati Santa Cecilia – Città di Taranto, presente al gran completo, con circa quaranta musicisti. A dirigerla, il M° Giuseppe Gregucci, tra l’altro vincitore, per ben due volte, dello stesso concorso.

L’iniziativa è organizzata, con il patrocinio del Comune di Mottola, dalla Confraternita del Santissimo Sacramento e Rosario, che vede come priore Nicola Ciarella. A dare il saluto di benvenuto ai presenti sarà il parroco e guida spirituale l’arciprete don Sario Chiarelli. Oltre al sindaco Giampiero Barulli, interverrà anche il vescovo della Diocesi di Castellaneta Claudio Maniago.

Questo Concorso ha una specifica finalità: cercare di recuperare e tramandare alle giovani generazioni la tradizione bandistica. Pertanto, che sia nato proprio a Mottola, non risponde a semplice casualità, poiché la cosiddetta “spia dello Ionio” è da secoli considerata la patria del canto e, soprattutto, della bella musica, quella che sa appassionare e suggestionare.

La manifestazione è unica nel suo genere, non ha eguali in Italia e, per questo, può vantare un riconoscimento speciale: la medaglia conferita nel 2012 dalla Presidenza della Repubblica, a testimonianza dell’alto profilo culturale, ma anche dell’interesse, che va ben oltre i confini regionali, riuscendo a coinvolgere anche conservatori e istituti musicali.

Print Friendly, PDF & Email

140total visits,1visits today

Ti sono piaciuti i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli

error: Content is protected !!