Sotto accusa (simbolicamente) storiografi dell’800 e ‘900 . Processo storico sulla datazione della Cattedrale e dei suoi simboli

di Giovanni Mercadante

Una forma di processo simbolico per destare l’attenzione del grande pubblico alla fruizione e valorizzazione  della cattedrale romanica di Altamura.

E’ la prima volta che avviene un dibattito di questa portata che metterà in discussione quanto studiato e scritto dagli storiografi locali. Sicuramente, una provocazione quella degli organizzatori per accendere i riflettori su un patrimonio storico-artistico e culturale che rappresenta il biglietto da visita della comunità. Cosa li spinge a sfidare quanto già consolidato nella memoria collettiva? Questo appunto l’obiettivo con un azzardo senza precedenti. Dibattiti scanditi da prove e contro-prove,  e una giuria per emettere una sentenza definitiva dopo oltre 7 secoli dall’edificazione dell’edificio sacro tanto caro a Federico II e agli altamurani.

Il  testo del comunicato stampa diramato dagli organizzatori non lascia dubbi, mentre nel frattempo la Diocesi di Altamura ha tenuto a pubblicizzare attraverso i media locali i 786 anni di età della fabbrica.
La valorizzazione del patrimonio altamurano e di quello federiciano in particolare è lo scopo di una serie di quattro incontri che si terranno nelle prossime settimane. L’evento “Arte e misteri nelle sculture del portale della Cattedrale di Altamura” è organizzato da Kroplus assieme alle associazioni Leggeredizioni, Confconsumatori di Altamura, Archè e Puglia Federiciana e con il patrocinio del Comune di Altamura, mira a valorizzare e far conoscere la Cattedrale di Altamura, l’unica chiesa costruita da Federico II di Svevia.
L’intenzione di questi incontri mira a contestare l’interpretazione che alcuni studiosi dell’800 e ‘900 hanno dato collocando la realizzazione del portale alla metà del 14° secolo.

Si svolgerà un vero e proprio “processo”, con accusa e difesa, testimonianze e conclusioni della Giuria al fine di definire qual è l’epoca di realizzazione. Anche qui, come spesso è accaduto nei secoli quando la storia è stata riscritta dai vincitori, gli Angioini operarono la “damnatio memoriae” verso Federico e tutto il suo operato in seguito alla sconfitta degli Hohenstaufen nella battaglia di Benevento (in cui morì da eroe anche Manfredi, il figlio di Federico II) che segnò la caduta definitiva della potenza degli Svevi in Italia.
Tutti gli appuntamenti, presentati da Pasquale Facendola (Kroplus) e Anna Ventricelli (Leggeredizioni e Confconsumatori) e moderati da Vito Giordano, vedranno come relatori Michele Centoducati e Mariella Forte.

Si svolgeranno nell’aula consiliare del Comune di Altamura alle 19,30 secondo il seguente programma

Lunedì 29 ottobre:  Il portale angioino o federiciano?
Lunedì 5 novembre :  Il fiore ottopetalo: marchio segreto di Federico?
Venerdì 16 novembre: La storia dell’umanità in 4 sculture
Venerdì 23 novembre: L’enigma della sostituzione dei leoni stilofori

 

Print Friendly, PDF & Email
dott. Giovanni Mercadante

Corrispondente Alta Murgia

271total visits,4visits today

dott. Giovanni Mercadante

dott. Giovanni Mercadante

Corrispondente Alta Murgia

error: Content is protected !!