Bilancio positivo per la II edizione del Festival LectorinTavola tra design, cucina naturale e tradizioni

La seconda edizione di LectorinTavola ha sfidato il cattivo tempo ed il freddo regalando, a quanti hanno partecipato all’evento nel Monastero di San Benedetto di Conversanovenerdì 15 e sabato 16 giugno, una due giorni fatta di approfondimenti, esperienze design, cultura dell’alimentazione e riscoperta delle tradizioni.

Ottimo il consenso da parte del pubblico evidenziato anche dai numeri: più pubblico, più ospiti, più scuole.

Gli incontri ed i confronti hanno coinvolto tutti: dai giornalisti e comunicatori scientifici quali Nicolò Carnimeo ed Eliana Liotta, ai blogger come Alessandro Vannicelli, Laura Renieri, Lorenzo Locatelli e Jessica Callegaro, da autrici come Carola Benedetto e Luciana Ciliento, a scrittori e scrittrici come Franco Caprio, Vito Antonio Loprieno, Rosella Postorino e Gabriella Genisi, da storici come Vito Bianchi ed autori televisivi come Carlo Cambi.

E poi maestri cioccolatieri come Francesco Urbano, direttori creativi come Lorenza Dadduzio, ricercatori ed agronomi come Massimiliano Renna e Carlo Mininni. Da ricordare anche i workshop sul rapporto tra storia dell’arte e cucina dell’IPSSEOA di Polignano a Mare, i laboratori per bambini e ragazzi dell’istituto professionale De Lilla di Conversano, le interviste agli ospiti realizzate dagli studenti del Liceo Scientifico “Simone – Morea” di Conversano.

Grande spazio è stato dato alle esperienze di design in ambito culinario: alla Camera Olfattiva di Astrid Luglio che ha amplificato le percezioni olfattive dell’olio, e alla Contatto Experience di Giulia Soldati sostenitrice di un nuovo approccio alla materialità del cibo, approccio che prevede la rimozione degli oggetti che creano distanza tra il corpo ed il cibo (le posate ed i piatti ad esempio), un modo per ritrovare il contatto originario con il cibo e assaporarlo con tutti i sensi. Ampio anche il supporto della stampa estera nelle “Storie dell’altro mondo” che ha visto protagonista, tra gli altri, Esma Cakir presidente dell’Associazione della Stampa Estera in Italia e Marina Lalovic. Nello spazio approfondimenti anche Thomas e Nancy Myladoor responsabili del ristorante “Il Guru” a Roma, il docente ed autore Tito Marci, i giornalisti Oscar Buonamano, Cristiana Castellotti, Raffaella De Santis, Lucia Schinzano. Infine la grande festa di MUSICAMED, anteprima di LECTORINFABULA 2018.

Tutto questo è stato LectorinTavola, organizzato dalla Fondazione G. Di Vagno, lo spin off del Festival Lectorinfabula, interamente dedicato alla cultura dell’alimentazione sul tema “Il cibo tra potere e immaginazione”.

LectorinTavola è un luogo aperto fatto di parole e di sensi, di cibo, cultura e identità, esperienze e innovazioni che vanno dal locale al globale e viceversa. E’ uno spazio di riflessione intorno al cibo che rappresenta la nostra storia, la memoria, quello che siamo oggi.

“Viviamo tempi strani, tempi bui, tempi cupi – ha dichiarato il direttore scientifico del Festiva, Filippo Giannuzzi – Un festival come LectorinTavola può diventare un raggio di luce, una fiammella da tenere accesa e proteggere. Non è possibile alzare muri, tagliare ponti, chiudere i porti. Di là dalle problematiche (e sono tante) legate all’accoglienza di migranti o rifugiati è il messaggio che stona, che suona male, che rischia di propagarsi in odio razziale (e bestiale). Abbiamo già dato, no grazie! E allora occorre riflettere e, ad esempio, alimentare i luoghi di dibattito e di confronto, favorire la discussione pubblica, aprire il dialogo. Un tema come il cibo ci unisce senza distinzioni di pelle o di razza o di lingua, ci chiama alle nostre responsabilità rispetto all’ambiente, alla produzione e agli sprechi, ci porta a ragionare meglio sulla nostra storia e sulla memoria, quello che siamo stati e ciò che siamo oggi. Il cibo – ha concluso Giannuzzi – rappresenta una identità fatta di continue contaminazioni e di intrecci di culture diverse (soprattutto gli scambi più proficui, guarda caso, vengono proprio dal Mediterraneo), un sovrapporsi di esperienze e di sperimentazioni, di vere rivoluzioni pacifiche. E un Paese come l’Italia, questo, non può dimenticarlo mai”.

Lectorintavola è organizzato dalla Fondazione Giuseppe Di Vagno, con il patrocinio e il sostegno di: Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, MiBACT, Regione Puglia assessorato all’industria turistica e culturale, Comune di Conversano, Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, AICI. Vanta partner come Rai Radio 3, Eurozine, Vox Europe, COPEAM, Friedrich Ebert-Stiftung, IAI, Distretto produttivo Puglia Creativa, Ordine dei Giornalisti della Puglia, Teatro Pubblico Pugliese, Apulia Film Commission, Pugliapromozione, Hamelin, BancaEtica, Banca di Credito Cooperativo di Conversano, Superfestival, LOI, Officine Tamborrino, Granorte, Antonangeli, Vallone, Frantoio D’Orazio.

Cristina Negro

Foto e Video LectorinTavola

Print Friendly, PDF & Email

462total visits,1visits today

Polis Notizie

Polis Notizie

Redazione

error: Content is protected !!