Giuseppe Garibaldi a Bari per il libro del dott. Domenico Palladino, scritto in onore del Grumese Gen. Filippo Minutilli

di Titty Pignatelli

Nella Sala Europa della splendida Villa Romanazzi Carducci, il circolo della Sanità di Bari, presieduto dal Dott. Onofrio Lattarulo e il CROSAT (Centro Ricerche Opere Storiche Artistiche del Territorio) di Grumo Appula, diretto dal Cav. Gennaro Palladino, hanno organizzato una  “Serata Risorgimentale”  in occasione della presentazione del libro del dott. Domenico Palladino, dal titolo “Filippo Minutilli, un Grumese, Generale Garibaldino de “i Mille”. La presentazione è stata curata in maniera egregia dal giornalista-scrittore Riccardo Riccardi, autore anche della post- fazione del libro, alla presenza di Giuseppe Garibaldi, pronipote in linea diretta dell’Eroe dei due Mondi, nella sua veste di Conservatore Onorario del Museo Nazionale Casa e Tomba di Giuseppe Garibaldi, a Caprera, e dell’Istituto Internazionale di Studi Garibaldini. Giuseppe Garibaldi ha anche curato la prefazione del libro di Palladino.

Hanno collaborato all’ evento alcuni Lions Club della Città e dell’Area Metropolitana di Bari.

Hanno concesso il loro patrocinio la Regione Puglia ed il Comune di Bari, rappresentato in sala dal vice-sindaco Pierluigi Introna.

Hanno offerto il loro patrocinio, anche la presidenza nazionale dell’ ANSMI (Associazione Nazionale Sanità Militare Italiana), rappresentata in sala da Prof Enrico Curci,  presidente della Sezione di Bari,  e l’Associazione Garibaldini d’Italia con sede a Roma (Presidente la Signora Antonietta Serra).

Giuseppe Garibaldi ospite d’onore della serata, ha esordito dicendo: “..aver dato i natali ad uno dei Mille è sempre motivo di orgoglio per quelle comunità che hanno avuto tale privilegio, e certo ben fanno coloro che ne rinnovano la memoria attraverso studi ricerche e pubblicazioni. Un grazie   quindi al dott. Domenico Palladino che vuole riproporre ai lettori testimonianze documentate. Vi invito a leggere questo libro, ma anche a regalarlo ai figli, agli amici come contributo alla conoscenza delle nostre radici, del profondo significato che ebbe il Risorgimento per la storia della nostra Italia”.

Era presente il Dr. Alfredo Ricci, in rappresentanza del Lions Governatore Francesco Antico, impossibilitato a partecipare personalmente.

Ad intermezzare la relazione del brillante Riccardo Riccardi ci hanno pensato i lettori (Alberto Rubini, Titty Pignatelli e Vito Cataldo) e la Pianista (Adriana De Serio), che hanno letto e musicato alcuni brani riportati nel libro, in parte scritti proprio da Giuseppe Garibaldi, che era anche un discreto letterato.

Colore, allegria e vivacità ha creato la presenza della banda della Brigata Pinerolo, di stanza a Bari. Un tripudio di melodie patriottiche varie e suggestive. Tutti partecipavano con canti e ovazioni. Era presente anche una delegazione del corpo Militare E.I, Sovrano Militare Ordine di Malta, organizzata dal Ten. Giuseppe CIANCIOLA.

Il Prof. Nicola Zizzo curava i commenti introduttivi ai vari pezzi, suonati dalla prestigiosa Banda dell’Esercito.

Molto colore creava la sfilata della bandiera Europea (Alfiere Anna Maria Lapenna), di quella Italiana (portata da Marilù Lattarulo, leggiadra figlia del Presidente del Circolo Onofrio, avvolta Ella stessa da un suggestivo “tricolore”) e di quella Garibaldina, il cui Alfiere (Nello era in completa tenuta Garibaldina d’epoca.

Anche il resto della Delegazione della Associazione garibaldina, vestiva caratteristica camicia rossa, mista ad eleganti foulard ed annessi colorato tricolore.

La Serata, risultava in preda ad un generale fermento di colori e vivacità indescrivibile, ricordava lontanamente la pittoresca atmosfera effervescente  di un campo, prima della battaglia risolutiva, tipica delle assemblee garibaldine. Sembrava di essere tornati indietro nella storia, presenti, nelle vicende del tempo che fu.

In verità vi dico che, in tanti anni di attività di corrispondente stampa, non ho mai potuto godere un   evento così singolare ed unico… decisamente una “velina” di un film  di Storia Risorgimentale.

A turno, gli Illustri relatori hanno ripreso e commentato positivamente gli argomenti trattati, con entusiasmo e fede, nel pregevole libro, scritto dal Dott. Palladino.

 

E’ stata offerta, ancora al riguardo, una inedita primizia, che, cioè

Garibaldi è stato, fra l’altro, un Europeista “ante litteram”, come si evince dal “Memorandum”, che Palladino ha “scolpito” sulla retrocopertina del libro.

A fine serata, il Presidente del Circolo della Sanità di Bari, Dr. Onofrio Lattarulo ha fatto omaggio a Giuseppe Garibaldi del “Pestello d’Argento” dedicato, con annessa pergamena, che è la massima onorificenza dello stesso Circolo.

Il Vice-Presidente del CROSAT, Avv. Giuseppe Antonelli, ha offerto, sempre a Garibaldi, una pergamena incisa della nomina a “Socio Honoris Causa” da parte del CROSAT di Grumo, per l’onore che Giuseppe Garibaldi ha voluto riservare a Filippo Minutilli, Generale Grumese del Suo Bisnonno, sia per la prefazione al libro, che per l’attiva presenza in Sala, come Relatore. Infine, l’autore ha fatto omaggio di una copia del libro

a tutti i presenti, riservando ad ognuno una piccola dedica.

Viva l’Italia Unita, viva l’Europa Unita.

 

Print Friendly, PDF & Email

163total visits,1visits today

Polis Notizie

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!